Termocamino a celle di combustione a circolo d’acqua

Il più evoluto e costoso sistema di scambio che permette rendimenti molto elevati e consente di essere gestito da sistemi di combustione elettronici come THERMATIK. I fumi vengono fatti convogliare all’interno di moltissime celle di acciaio che riescono a prendere tutta l’energia termica da loro fornita. Inoltre, di solito, questo tipo di termocamini montano vetri doppi per mantenere il più calda possibile la temperatura nella camera di combustione. In questo modo la camera di scambio rimarrà pulita più a lungo e si potrà giungere quasi a combustioni pirolitiche della legna. Senza dubbio vale i soldi che costa e, al momento, e’ il prodotto top di gamma nel mondo degli scambiatori idro legna.

Come funzionano le stufe e i camini ad acqua

Le stufe che si allacciano all’impianto di riscaldamento esistente (termosifoni o impianto a pavimento) si chiamano “Hydro” (idrostufe o stufe ad acqua). In pratica, invece di scaldare soltanto l’aria, questi prodotti producono acqua calda per l’intero impianto.

Con lo stesso principio, si può scegliere sia prodotti a legna sia prodotti a pellet. La differenza tra i due risiede nella possibilità di programmazione, che esiste con il pellet ma non con la legna.

I prodotti idro comprendono non soltanto stufe, ma anche caminetti, a legna o a pellet, e perfino cucine economiche. Queste ultime, che si chiamano termocucine, funzionano a legna e sono interessanti perché permettono di cucinare e riscaldare l’intera casa contemporaneamente.

Se invece non si hanno grosse esigenze estetiche, l’alternativa potrebbe essere una caldaia, a legna o a pellet, che si posiziona nel vano tecnico e riesce a scaldare volumi veramente grandi.

Consigliamo quindi prima di tutto di decidere se preferire un prodotto a pellet o uno a legna. In secondo luogo, se vuole un camino, una stufa, una termocucina o una caldaia. Infine, l’ultimo passaggio è quello di stabilire la potenza del prodotto sulla base della sua casa e delle sue necessità di riscaldamento.

I prodotti hydro vanno generalmente dai 12 ai 25 kW di potenza e il volume che possono riscaldare varia dai 250-300 metri cubi (un’abitazione di circa 100 metri quadri) fino ai 500-600 metri cubi (una casa di oltre 200 metri quadri). I prodotti più potenti, abbinati ad uno scambiatore termico e ad un sistema di accumolo, riescono a produrre anche acqua calda sanitaria per tutti gli usi di casa.

Per stabilire esattamente quanti kW deve avere il vostro prodotto, vi consigliamo di contattarci o consultare un termotecnico di vostra fiducia, che sarà in grado di valutare il grado di isolamento e i volumi da riscaldare.