Alter Ego! Un nuovo concetto di Stufa a Pellet

Alter Ego2

Nome prodotto/articolo: ALTER EGO
Tipologia: Stufa a pellet Classe A+ in acciaio a parete
Materiali: in acciaio
Anno Design: 2018

Alter Ego – Stufa a pellet ad aria calda ventilata, composta da due unità collegate tra loro: una frontale tonda ed armoniosa e l’altra composta da un innovativo vano tecnico posteriore, sinistro o destro.

“UN ALTRO ME STESSO”

Esclusivo brevetto Plug In.
Un concetto rivoluzionario di stufa a pellet, che utilizza le tecnologia brevettata Plug In.
Un sistema “split system” collega le due unità di Alter Ego: una frontale, tonda ed armoniosa, e l’altra da un innovativo vano tecnico posteriore.

Camera di combustione in ghisa.
La bellezza è eterna: ecco perché la camera di combustione di Alter Ego è progettata e costruita in ghisa, materiale che più di tutti resiste alla prova del tempo e del calore e che garantisce elevate prestazioni, oltre che un’eccellente conduzione termica.

La tecnica al servizio dell’estetica.
8 kW di pura potenza, che grazie alla doppia ventilazione laterale e superiore e all’irraggiamento termico, permettono di diffondere il calore in maniera uniforme e costante. Il serbatoio da 20 kg consente un’autonomia di lunga durata. Il sistema di doppia chiusura garantisce una maggiore sicurezza. Facile da utilizzare, Alter Ego è dotato di un radiocomando touchscreen retroilluminato.
Design unico ed innovativo.
La bellezza nella sua massima espressione.
Il design di Alter Ego è accattivante e senza eguali, mentre le dimensioni compatte garantiscono il minimo ingombro della stufa. La parte superiore di Alter Ego è decorata con un elegante gioco di forme dalle linee morbide e sinuose.

Ampia visione del fuoco.
La grande porta frontale di Alter Ego garantisce un’ampia visione del fuoco: 180 gradi di puro fascino e di calda luce, che creano un’immediata sensazione di benessere e un’atmosfera rilassante.

Ad ognuno il suo io.
La massima espressione della personalità: il pannello posto dietro il corpo centrale rotondo è completamente personalizzabile. Alter Ego si adatta così a tutti gli stili, a tutte le esigenze, a tutte le mille sfumature dell’io.

Possibilità da parte dell’utente di regolare la taratura della combustione del pellet.
Riduzione dei consumi di pellet per un maggiore risparmio.
Riduzione delle emissioni inquinanti.
Manutenzione minima e facile: la pulizia della stufa.

Una scelta esclusiva per chi è affascinato dall’originalità…

Alter Ego1

Camini moderni

Se amate lo stile contemporaneo o minimal, ma allo stesso tempo non volete rinunciare al fascino del riscaldamento a fiamma viva, i camini moderni che stiamo per presentarvi sono degli straordinari esempi di praticità e moderna eleganza che vi lasceranno piacevolmente stupiti.

Le immagini annovera al suo interno svariati modelli di camini moderni: naturalmente non potevano mancare i quelli alimentati a legna, per poi passare ai camini gas, a bioetanolo, a pellet ed a svariati altri combustibili per andare incontro alle esigenze più disparate.

Innovazione e sperimentazione sono senz’altro la parola chiave nello sviluppo di camini moderni ed allo stesso tempo pratici e funzionali che, non soltanto riscalderanno gli ambienti, ma doneranno loro un tratto raffinato.

Dopo questa piccola premessa vi lasciamo alla nostra raccolta di immagini di camini moderni che speriamo possa esservi d’aiuto se siete alla ricerca di idee davvero particolari: ecco quindi molteplici rivestimenti per camini, soluzioni per installazioni ad angolo, centrali oppure aperti su tre lati.

Stufe a pellet per piccoli ambienti, quando la soluzione è…slim

Il mondo del riscaldamento si sta sempre più adeguando alle nuove esigenze abitative, proponendo alternative intelligenti di design che vanno ad integrarsi perfettamente in spazi di piccole dimensioni; parliamo della stufa slimstufe a pellet per piccoli ambienti o stufe a legna di piccole dimensioni che garantiscono massima efficienza e comfort senza trascurare lo stile.

Rispetto al passato, il settore immobiliare ci dice che sempre più persone scelgono di andare a vivere in una casa piccola dalla metratura ridotta. I fattori che motivano questo tipo di decisione sono diversi, primo fra tutti, il risparmio: le case piccole costano meno e hanno meno costi di gestione.

Poi la praticità. A scegliere soluzioni contenute non sono solo giovani famiglie o single, ma anche gli anziani, che preferiscono spazi ridimensionati più facili da gestire, da pulire e semplici da vivere.

Che sia dettata da necessità, praticità, ecologia, comfort o semplicemente propensione personale, la tendenza è dunque quella di scegliere abitazioni piccole ed eliminare il superfluo dagli ambienti che ospitano la nostra quotidianità (l’ormai noto concetto di decluttering). Razionalizzare gli spazi diventa in questi casi un’esigenza fondamentale.

stufe a pellet slim

È possibile, dunque, sfruttare al massimo lo spazio e trasformare ambienti piccoli in case dove comfort e design convivono armoniosamente? Certo. Con mobili multifunzionali e soluzioni innovative puoi interpretare lo spazio secondo le tue esigenze senza compromessi.

In questo articolo approfondiremo le caratteristiche delle stufe a pellet slim, che ti permettono di ottenere grandi performance anche in piccoli spazi.

Stufe a pellet salvaspazio: il design si fa funzionale

Hai scelto anche tu, come molti, una soluzione abitativa piccola e confortevole ma non vuoi rinunciare al calore di una stufa e al risparmio del pellet? Ti farà piacere sapere che oggi puoi scegliere fra numerosi modelli di stufe a pellet per piccoli ambienti, dal design davvero accattivante.

Vuoi chiedere subito un consiglio per una stufa slim?

Le stufe a pellet ultrapiatte per piccoli ambienti sono studiate per sfruttare spazi ristretti come corridoi e stanze già complete dell’arredamento essenziale senza dover rinunciare a tutto il benessere di un calore diffuso uniformemente e al valore estetico. Se non vuoi cimentarti in virtuose chicane quotidiane per passare da una stanza all’altra, questa è l’alternativa che stavi cercando.

stufe a pellet salvaspazio

Rendimento delle stufe a pellet slim e tecnologia: è la dimensione che fa la differenza?

Chiariamo subito un punto fondamentale. Il rendimento delle stufe a pellet slim è esattamente lo stesso di una stufa a pellet ‘standard’. Il fatto che si sviluppi in larghezza piuttosto che in profondità non altera in alcun modo efficienza e funzionalità.

Qualunque stufa a pellet avrà un rendimento strettamente legato alla scelta del combustibile. Scegliere un buon pellet è fondamentale perché garantisce il corretto funzionamento della stufa, ne migliora l’efficienza e offre performance in linea con quelle dichiarate dal costruttore. In più riduce la necessità di manutenzione e la frequenza di pulizia.

Se vuoi saperne di più, ti consigliamo la lettura dell’articolo “Come scegliere il pellet migliore?”, per orientarti nell’acquisto.

Le stufe a pellet per piccoli ambienti si avvalgono delle stesse identiche tecnologie di qualsiasi altra stufa a pellet, tra le quali:

  • accensioni programmabili in cicli giornalieri, settimanali e weekend
  • gestione elettronica tramite telecomando o display di controllo
  • possibilità di gestione da remoto con l’App

Quali sono i vantaggi di una stufa slim che saltano subito all’occhio?

  • si sviluppa in larghezza e non in profondità
  • la profondità va di solito dai 28 e i 32 cm, il che ti permette di guadagnare spazio
  • è una stufa di design
  • caratterizza in modo unico l’ambiente in cui viene collocata

Le linee di queste stufe sono infatti essenziali e pulite. Questo non significa però dover privarsi del pregio e della bellezza di un rivestimento importante come quello in Maiolica, ad esempio. Hai un’idea di quante forme e colori puoi scegliere?

Stufa in Maiolica piccola, il pregio è smart

Hai mai pensato ad una stufa a pellet in Maiolica piccola per il tuo appartamento? Spesso fatichiamo ad associare concetti come abilità artigianale, raffinatezza, pregio, a prodotti di design funzionali alla quotidianità. Ma è esattamente quello che accade oggi con una lavorazione antica, quella della Maiolica. Un materiale che eccelle per la ricercatezza della lavorazione e allo stesso tempo è funzionale, perché trasmette il calore in modo costante e uniforme in tutto l’ambiente.

Le soluzioni di design che si possono ottenere sono davvero innumerevoli. Coloriformedettagliunici che rendono la tua stufa slim un elemento d’arredo in grado di cambiare completamente il carattere di una stanza: un piccolo ingresso o un corridoio di passaggio non resteranno più inosservati.

stufa in maiolica piccola

 

Stufe a pellet slim ventilate, tepore uniforme dal pavimento al soffitto

Le stufe a pellet slim ventilate sfruttano un sistema di ventilazione che ti regala comfort ideale e temperatura costante. A differenza dei sistemi tradizionali, in cui l’aria calda tende naturalmente a concentrarsi in alto e l’aria fredda rimane a livello del suolo, i sistemi di ventilazione di ultima generazione mettono in circolazione l’aria calda facendola defluire dal basso verso l’alto.

stufe a pellet slim ventilate

In questo modo le stufe a pellet slim ventilate evitano che si accumuli calore all’altezza del soffitto. Il sistema permette all’aria che entra dall’alto della stufa di riscaldarsi a contatto con le pareti calde interne, per poi uscire dalle bocchette poste in basso. In questo modo, il calore prodotto si distribuisce uniformemente in tutto l’ambiente, dal basso all’alto e fino alle pareti più lontane della stanza. Questo vuol dire che puoi dimenticarti quella brutta sensazione dei piedi freddi in inverno…

Stufe a pellet slim canalizzate, calore uniforme in tutta la casa

Il sistema di ventilazione forzata può diventare un vero e proprio impianto di riscaldamento per la tua casa, grazie a un semplice sistema di canalizzazione. Con le stufe a pellet slim canalizzate puoi infatti portare il flusso di aria calda in ambienti lontani o su piani diversi, con la sicurezza di ottenere sempre lo stesso comfort dell’ambiente di installazione. Questo ti permetterà di eliminare finalmente quella fastidiosa escursione termica fra stanze diverse: il calore sarà equamente distribuito.

Il sistema ti permette di convogliare l’aria calda fino a 16 metri attraverso appositi tubi di canalizzazione, opportunamente coibentati, facilmente installabili e dal diametro ridotto (75mm). L’aria calda defluisce a livello del suolo attraverso apposite bocchette, dal flusso regolabile.

Come vedi, anche le stufe a pellet per piccoli ambienti, se pur sottili e compatte, possono garantirti ottime prestazioni e portare calore e comfort in tutta la casa.

Vuoi sapere se stufe a pellet di piccole dimensioni possono riscaldare oltre agli ambienti anche l’acqua per uso sanitario? Te lo spieghiamo qui a seguire.

Con le stufe a pellet slim idro puoi riscaldare casa e anche l’acqua sanitaria

Se hai la necessità di coniugare l’esiguità degli spazi di casa tua non solo con il riscaldamento, ma anche con la produzione di acqua ad uso sanitario, potresti decidere di scegliere fra le stufe a pellet slim idro quella che fa al caso tuo.

Le stufe slim in versione thermo integrano diversi tipi di impianto termoidraulico (termosifoni, termoconvettori, riscaldamento a pavimento) e possono rappresentare sia un’alternativa alla caldaia sia un’integrazione dell’impianto tradizionale e si possono anche collegare a sistemi solari termici.

stufe a pellet slim idro

I vantaggi sono numerosi. La stufa a pellet idro slim:

  •  è facile da installare
  • utilizza il pellet, che è economico, rende molto, ha emissioni ridotte ed è facile da reperire
  • si adatta facilmente agli spazi di casa tua
  • è una valida alternativa alla tradizionale caldaia
  • ha un notevole impatto estetico
  • si può controllare facilmente tramite smartphone e tablet con una App che consente di gestire tutte le funzionalità da remoto

Importante! Ricorda sempre di affidarti ad un termotecnico abilitato per il calcolo del fabbisogno calorico dell’ambiente per individuare con precisione quanti kilowatt sono necessari per riscaldare la tua casa.

Acquistare piccole stufe a pellet con il Conto termico e le detrazioni fiscali

Anche le piccole stufe a pellet usufruiscono come le altre dei contributi del Conto Termico 2.0, la nuova versione, semplificata, del Conto Termico introdotto dal decreto 28/12/2012 per incentivare la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Il nuovo Conto Termico 2.0, in vigore dal 2016, sostiene chi installa apparecchi di ultima generazione che garantiscono una riduzione delle emissioni in atmosfera e un maggior rendimento energetico.

Il Governo sostiene inoltre l’installazione di prodotti a risparmio energetico attraverso una serie di strumenti come la detrazione fiscale anche per stufe a pellet per piccoli ambienti che vanno dal 50% al 65%: in pratica ti verrà restituita buona parte della somma che hai speso inizialmente tramite la dichiarazione dei redditi.

Stufe a pellet slim: consigli utili per una scelta accurata

Razionalizzare gli spazi, quando si sceglie di vivere in una casa di piccole dimensioni, diventa davvero indispensabile. Oggi il mercato offre la possibilità di poter scegliere fra numerosi modelli di stufe a pellet per piccoli ambienti che garantiscono però efficienza, comfort, design e tecnologia. Anche in un piccolo appartamento puoi finalmente scegliere di avvalerti di una stufa a pellet come forma di riscaldamento.

Ideali per ambienti molto stretti o zone di passaggio della casa come corridoi e angoli, le stufe a pellet salvaspaziocompatte e dall’ingombro ridotto, sono i installabili a filo muro e predisposte per l’uscita dei fumi posteriore o superiore.

Non rinunciare ad una forma di riscaldamento economica perché pensi di non aver spazio sufficiente: con una stufa slim a pellet avrai calore e comfort diffusi e il piacere della visione della fiamma. Piccole dimensioni, grandi performance!

Fonti: Around the Fire

 

Camino ad angolo e camino bifacciale: ispirazioni per la zona living che hai sempre desiderato

Preferisci un camino ad angolo, complice delle tue chiacchierate con gli amici o un camino bifacciale, per goderti il piacere della fiamma in più stanze? Stai lavorando al progetto di casa e vorresti un camino angolare per rendere la tua casa più accogliente e che rifletta il tuo stile? Ci sono molte soluzioni che puoi valutare.

Primo passo, pensa agli aspetti che vuoi esaltare:

  • il design
  • le dimensioni
  • la funzionalità

Ti interessano tutti e vuoi capire come fare a farli convivere in un unico prodotto? Prosegui nella lettura, in questo articolo cercheremo di darti delle indicazioni utili per scegliere un camino ad angolo o un camino bifacciale o trifacciale che soddisfi le tue esigenze di estetica e di riscaldamento.

Camino a legna angolare e camino a legna bifacciale: scelte diverse, risultato unico

Il camino a legna angolare è una soluzione davvero scenografica, un angolo dedicato al relax che ti permette di sfruttare al meglio gli spazi, anche quando sono limitati.

Il caminetto ad angolo, rispetto al camino a parete, sfrutta infatti l’intersezione di due muri. Rispetto ad un caminetto moderno centrale come un camino panoramico oppure sospeso, è senz’altro più discreto, ma ti permette ampia adattabilità al contesto e all’arredamento. Puoi ottimizzare gli spazi abbinando al camino panche e mensole in legno o in marmo su cui sedere o su cui appoggiare vasi, cornici con le tue foto, soprammobili… lascia a briglia sciolta la creatività.

camino a legna angolare

Camino a legna angolare – modello Seattle Piazzetta

Hai a disposizione spazi ampi?

Potresti considerare un’altra soluzione, altrettanto affascinante: il camino bifacciale. Questa tipologia di caminetto ha, come puoi intuire dal nome, ‘due facce’. Ti permette infatti di separare due ambienti, anche di grandi dimensioni, e di riscaldarli entrambi grazie al duplice vetro.

Sarà possibile godere della visione della fiamma contemporaneamente in due contesti diversi, come possono essere la cucina ed il salotto. La compagnia del fuoco mentre cucini, la bellezza della fiamma da ammirare mentre ti gusti una buona cioccolata calda: il camino diventa presenza discreta ma costante del tuo ambiente.

Anche i camini bifacciali si distinguono per forme, dimensioni e alimentazione. Non sarà difficile trovare la soluzione che meglio si integra agli spazi di casa tua e alle tue esigenze energetiche.

camino bifacciale

Camino bifacciale – modello Colonia Rosso Lava Piazzetta

Camino angolare moderno o camino a legna bifacciale? Entra per vederli entrambi in uno showroom

Camino angolare moderno o camino angolare rustico? Due stili a confronto

Un camino ad angolo può unire il tuo desiderio di avere in casa il piacere della fiamma ad una razionalizzazione di spazi anche ridotti. Ma che stile adottare? Sei orientato su un camino angolare moderno o un camino angolare rustico?

Se stai progettando di inserire il caminetto in una casa nuova oppure stai pensando di rivoluzionarne uno esistente in un casolare ristrutturato, non fossilizzarti su idee sorpassate per cui un caminetto angolare moderno si abbina solo a spazi contemporanei e il camino angolare rustico solo ad un contesto rurale. Oggi mixare gli stili è una tendenza in crescita in tema di interior design e ti permette di dare un carattere totalmente unico alla tua casa.

Le possibilità progettuali e stilistiche sono infatti davvero notevoli. Nella ristrutturazione di una vecchia casa, per esempio, potresti pensare di mantenere le originali pareti in pietra e valorizzarle inserendo un camino angolare moderno dalle linee pulite ed essenziali, magari con un prezioso rivestimento in Maiolica.

Immagini un camino angolare rustico solo in una taverna o in una baita di montagna? Spazia con una scelta eclettica! I caminetti rustici ad angolo con una cornice in mattoni o in pietra possono sposarsi bene anche con un ambiente e un arredamento moderno, l’importante è trovare il giusto equilibrio. I camini ad angolo in pietra sono veri e propri angoli di relax: un bravo progettista saprà valorizzare il lato rustico del camino armonizzandolo con l’ambiente e l’arredamento moderno della tua casa.

Ti interessa il tema del design legato ai camini a legna e a pellet? Approfondisci con la lettura dell’articolo “Camini moderni o camini rustici? Scegli quello più adatto a casa tua“.

Caminetto a legna trifacciale, quando il fuoco è protagonista

Il caminetto a legna trifacciale è un tipo di soluzione che ti permette di organizzare in maniera dinamica gli spazi circostanti. Il bell’esempio nella foto ti mostra come il camino angolare accolga i visitatori con i suoi tre lati a vista e diventi il focus attorno al quale si sviluppa tutto l’ambiente del living.

caminetto a legna trifacciale

Caminetto a legna trifacciale – modello Edimburg Sahara Piazzetta

Il design viene esaltato: la base è ricavata da tre elementi in Maiolica color ocra lavorati a mano mentre il rialzo è in marmo. Il focolare a tre vetri permette una perfetta visione della fiamma, per un effetto sensazionale.

Questo tipo di camino è dotato di porta in acciaio verniciato con vetro ceramico autopulenteresistente a 750°C. Si apre a saliscendi per consentire il caricamento di legna e ad anta per la pulizia.

La scelta di un caminetto a legna trifacciale è di grande impatto estetico, risultato che si ottiene anche grazie alla scelta del rivestimento: prosegui nella lettura, ne parliamo nel prossimo paragrafo.

Rivestimenti dei camini ad angolo: in cartongesso, in muratura…oppure?

I rivestimenti dei camini ad angolo in cartongesso e in muratura sono fra i più richiesti. Il cartongesso in particolare si presenta come una soluzione di facile applicazione, apprezzata per l’economicità e le proprietà ignifughe (requisito tecnico indispensabile per poter rivestire un camino).

Un camino rivestito in cartongesso si adatta praticamente a qualsiasi tipo di arredo ed è davvero veloce da montare. Il blocco camino può essere rivestito semplicemente in cartongesso con un profilo estetico di metallo, senza ulteriori cornici.

Oltre al cartongesso, oggi puoi rivestire il tuo camino con soluzioni alternative che abbracciano stili diversi. Fra i rivestimenti più utilizzati:

  • Acciaio
  • Pietra
  • Maiolica
  • Marmo
  • Muratura

Vuoi farti un’idea concreta? Scopri in questo articolo 4 idee per il rivestimento del tuo camino bifacciale o del tuo camino ad angolo.

Le dimensioni dei camini ad angolo, qualche valutazione da fare prima dell’installazione

Le dimensioni dei camini ad angolo sono un aspetto cruciale da considerare in fase di progettazione. Prima di effettuare l’acquisto ricordati che è importante:

  • adattare le dimensioni e la potenza del camino agli spazi d’installazione
  • posizionare il camino in una zona strategica al fine di ottimizzare la diffusione del calore
  • disporre di un idoneo sistema di evacuazione fumi come previsto da normativa (leggi questo articolo, ti dirà tutto sul tema canne fumarie)
  • affidarsi ad un professionista richiedendo un sopralluogo: questo ti eviterà di trovarti di fronte a qualche spiacevole sorpresa

Accetta un consiglio: non improvvisare!

Fatti seguire da un bravo progettista. Ti saprà consigliare il tipo di camino secondo le tue esigenze di spazio, riscaldamento ed estetica.

Dimensioni dei camini ad angolo

Le dimensioni dei camini ad angolo sono fondamentali: per una scelta accurata fatti consigliare da un esperto

Camini ad angolo: prezzi e lavorazioni da mettere in conto

I prezzi dei camini ad angolo o i prezzi dei camini bifacciali, intesi come blocco camino (quindi la parte propriamente tecnica dove prende vita la fiamma) non differiscono molto dai camini tradizionali.

Cosa potrebbe far variare invece l’importanza dell’investimento?

  • la progettazione, più o meno complessa
  • la scelta dei materiali per il rivestimento
  • la necessità di costruire ex novo una canna fumaria, o la messa a norma di una vecchia già presente in casa

Un bravo progettista e un rivenditore autorizzato sapranno ascoltare le tue esigenze e darti tutte le indicazioni necessarie per rispettare il budget di spesa che ti sei prefissato.

Camino ad angolo, camino bifacciale e trifacciale, scegli il carattere del tuo focolare

Un camino ad angolo o un camino bifacciale e trifacciale sono soluzioni di grande impatto estetico, veri gioielli di design che impreziosiscono e rendono unico il contesto in cui sono inseriti. Estetica dunque, ma anche efficienza e riscaldamento funzionale.

La scelta è ampia, fra forme, colori, materiali e stili: squadrati o più ‘morbidi’, moderni o rustici, rivestiti con materiali di pregio o con il versatile cartongesso, i camini ad angolo e i camini bifacciali sono scelte che ti garantiscono massima soddisfazione. Il comfort del calore con il piacere di un progetto di design ben riuscito.

Fonti: Around the Fire

Come rivestire un camino: 4 idee per rendere unico il tuo focolare

Nel camino moderno chiuso, il blocco camino è l’anima del focolare, la parte tecnica dove prende vita la fiamma. Quando si parla di rivestimento invece, si intende la parte esterna e costituisce la componente estetica dei camini.

Il rivestimento di un camino gioca un ruolo davvero importante nell’arredamento di una casa. Impreziosisce e valorizza il focolare fino a farlo diventare vero e proprio oggetto di design. Hai notato come l’ambiente acquisti una sua precisa personalità con un caminetto curato nei dettagli?

L’estetica, però, non è tutto. Se ti stai chiedendo come rivestire un camino, avrai già capito quanto sono importanti le caratteristiche e le prestazioni del rivestimento:

  1. Resiste alle alte temperature e agli sbalzi termici?
  2. Potrebbe alterarsi nel tempo?

La scelta, come vedi, non è così banale e va fatta con cura e affidandosi a professionisti esperti: il rivestimento, oltre ad esprimere bellezza, dev’essere funzionale e duraturo.

Quali sono dunque i migliori rivestimenti per cambiare estetica al caminetto?

Oggi puoi rivestire il tuo camino con soluzioni alternative davvero superlative che abbracciano stili diversi. Continua a leggere, ti portiamo alla scoperta di nuove proposte a cui magari non avevi pensato, che potrebbero stravolgere la tua idea di caminetto.

C’erano una volta i camini in pietra…

camini in pietra o marmo sono ancora presenti e non smettono di esercitare un certo fascino in quanto donano un tocco classico a tutto l’ambiente. Adattandosi ai contesti più rustici o nelle taverne, per loro natura solitamente hanno il focolare aperto e il grosso svantaggio dei camini senza vetro è di avere una resa termica molto bassa ed emissioni in ambiente ed atmosfera.

Stai ragionando su qualcosa di diverso, più moderno che non sia il solito camino rivestito in pietra o camino in muratura rustico? Avrai visto come in commercio si possano trovare rivestimenti molto diversi tra loro per materiali, forme e dimensioni e adatti a tutte le tipologie di camino frontale, camino ad angolo, camino bifacciale o trifacciale.

Vediamo assieme le alternative più interessanti.

Camino a parete con rivestimento in Maiolica colore grigio rosso Modello Mood di marca Piazzetta

Modello Mood: rivestimento in Maiolica fatta a mano color Grigio Rosso impreziosito da dettagli pennellati in cristallina tono su tono

Il rivestimento con cornice in Maiolica: quando l’eleganza del dettaglio fa la differenza

Come vedresti un rivestimento in Maiolica per il tuo camino? La Maiolica ti permette di godere di numerosi vantaggi e risponde ai presupposti che abbiamo visto sopra:

  • è esteticamente versatile: ti permette infatti di sbizzarrirti in termini di colore, disegno, decoro e texture
  • è funzionale: trattiene il calore irradiato dal focolare e ne incrementa la trasmissione in ambiente
Camino ad angolo con cornice in Maiolica colore Moka pennellato con decori in cristtalina. Marca Piazzetta - Modello Seattle

Come rivestire un camino ad angolo? Con il rivestimento per caminetto in Maiolica Piazzetta color moka potrai donare un tocco di stile al tuo salotto – Modello Seattle.

La Maiolica è un materiale antico e naturale ma che sposa oggi gli stili più contemporanei: scopri alcuni esempi di rivestimenti in Maiolica in questa gallery

Immagina il fuoco racchiuso in una preziosa cornice di Maiolica del tuo colore preferito, lavorata a mano, espressione di pregio ed eleganza. Un quadro che non ti stanchi di guardare. Un rivestimento in Maiolica può davvero rendere unica un’anonima zona living, adattandosi allo stile che hai in mente. Non precluderti alcuna possibilità: immagina una forma, pensa ad un colore, individua un dettaglio e dai vita ad un camino in Maiolica davvero tuo. Una soluzione che non passerà inosservata agli ospiti che con te condivideranno il piacere dello stare insieme davanti al fuoco…

Se l’idea di un rivestimento in Maiolica ha attirato la tua attenzione continua a leggere, anche il prossimo rivestimento potrebbe interessarti.

Il rivestimento in argilla: l’incontro degli elementi

Scegliere un rivestimento in argilla per il camino, significa elevare la materia all’ennesima potenza. Terra e fuoco: due elementi si incontrano e danno vita ad un connubio di grande impatto. Frutto di attenta lavorazione artigianale, un rivestimento in argilla fa del tuo caminetto un pezzo unico ed irripetibile: l’anima calda preziosa della casa.

La scelta del rivestimento è quella che lo porterà a integrarsi all’ambiente diventando un vero e proprio complemento d’arredo: un rivestimento in argilla, studiato per resistere alle alte temperature, è un perfetto compromesso tra stile sofisticato e funzionalità, pregio e durevolezza.

Cornice camino con rivestimento in argilla lavorata a mano con decori. Focolare Piazzetta a gas Modello IG 120

Cornice caminetto a gas, rivestimento in Argilla lavorata a mano, Modello Archeo Piazzetta con focolare a gas IG120

Apprezzi la raffinatezza della proposta ma sei orientato ad una soluzione più easy? Considera la scelta di un rivestimento in acciaio…

Rivestimento in acciaio: lo stile minimal che sta con tutto

Un rivestimento in acciaio per il tuo caminetto potrebbe fare al caso tuo se sei un tipo dai gusti minimali e ami l’essenzialità.

L’acciaio è interessante perché si presta a camini dalle linee modernesemplici e chiare, integrandosi perfettamente in qualsiasi tipo di ambiente, dal salotto rustico all’habitat più contemporaneo. Garantisce un’ottima resa termica, e non va trascurato il fatto che è davvero facile da pulire e mantenere.

 

Camino centro stanza con rivestimento acciaio verniciato modello Oxford Piazzetta

Caminetto Piazzetta Modello OXFORD: rivestimento in acciaio, ideale anche per un centro stanza

Se desideri un caminetto più essenziale ancora, da integrare facilmente a casa tua, potresti considerare una semplice cornice del camino in cartongesso.

Il rivestimento del camino in cartongesso

Rivestire il camino in cartongesso – attualmente uno dei materiali da costruzione più usati nell’edilizia – è una soluzione di facile applicazione, apprezzata per l’economicità e le proprietà ignifughe (requisito tecnico indispensabile per un rivestimento camino).

Un camino rivestito in cartongesso si adatta praticamente a qualsiasi tipo di arredo ed è davvero veloce da montare. Il blocco camino viene semplicemente rivestito in cartongesso con un profilo estetico di metallo, senza ulteriori cornici. Ricorda, ti conviene acquistare il blocco camino da un produttore in grado di offrirti tutte le certificazioni necessarie per avere un prodotto di qualità: in questo modo potrai anche accedere ad eventuali agevolazioni fiscali. A questo proposito, leggi l’articolo sul Conto Termico 2.0 e sulle detrazioni fiscali 2017.

Un rivestimento in cartongesso è una scelta davvero minimale: il fuoco diventa il vero e unico protagonista dell’ambiente. Per variare un po’ rispetto alla semplice superficie bianca, potrai giocare sul colore con pitture all’acqua che resistono meglio alle alte temperature che si generano nel rivestimento.

Qualche amico volenteroso ti consiglierà di ricorrere al fai da te per la posa del cartongesso, ma per un lavoro fatto a regola d’arte e senza rimpianti il consiglio è di affidarsi sempre ad un professionista.

Piazzetta: camino aperto su tre lati, il modo migliore per il recupero del calore del tuo camino

Caminetto a legna trifacciale Piazzetta Modello Aberdeen: rivestimento in cartongesso con base in Maiolica

Come rivestire un camino in modo consapevole

Il rivestimento del camino è un vero e proprio oggetto di design che dà personalità al focolare e decora lo spazio in cui vivi, trasformandosi in elemento principe della casa.

La gamma dei rivestimentiper camini è davvero ampia e puoi sicuramente trovare il rivestimento più adatto al tuo caminetto e all’ambiente dov’è situato, sia esso classico o contemporaneo.

Oltre ai tradizionali rivestimenti in pietra, ci sono altri materiali interessanti sul mercato che potresti considerare, come la Maiolica, versatile e preziosa, l’argilla che dà vita a soluzioni di prestigio, l’acciaio, minimale e tecnologico e infine il semplice cartongesso, pratico ed estremamente adattabile.

La scelta migliore è dettata dallo stile che vuoi dare alla tua casa, ma anche alla funzionalità del rivestimento, che deve essere duraturo, sicuro e facile da gestire. Insomma, puoi studiare soluzioni davvero originali per personalizzare ancora di più la casa con il tuo stile.

 

Fonti: Around the Fire

Stufa a legna Rika mod. Swing

Swing Rikatronic4

Rotondità.

La sua forma classica arrotondata è interpretata in chiave moderna. Il grande vetro panoramico mostra il fuoco in tutta la sua bellezza.

Stufa a legna Rika mod. Swing 4

Particolarità Swing Rikatronic4

Rikatronic4

Rikatronic4

Si può scegliere se effettuare l’accensione manualmente o a un qualsiasi orario programmato. Rikatronik4 fornisce in questi casi assistenza in tutte le fasi di riscaldamento, dall’accensione allo spegnimento, e regola automaticamente l’adduzione d’aria.

Maggiori informazioni

Design rotondo

Un design inusuale e compatto senza angoli e bordi per il vostro ambiente abitativo.

Stufa a legna Rika mod. Swing 3

Vetri puliti

Il sistema brevettato di pulizia dei vetri RIKA ottimizza la circolazione dell’aria per poter sempre godere della vista della fiamma.

saubere_scheiben

Informazioni prodotto

  • Dimensioni
    1405 x 520 x 520 [mm]
  • Capacità di riscaldamento del locale
    90 – 210m³
  • Rendimento termico nominale
    8.0 kW
  • Rikatronic4
  • Sistema RLS
  • Indipendenza aria ambiente
  • Girevole
  • USB

Swing – La stufa a legna rotonda con vetro panoramico

La stufa a legna SWING si presenta senza angoli né spigoli. La sua struttura rotondeggiante le conferisce un aspetto dinamico ed elegante. Per sottolineare questa moderna interpretazione della stufa a legna, RIKA ne ha “reso invisibili” tutti gli elementi di comando e le impugnature. Il grande vetro panoramico mette al centro della scena il focolare, in tutta la sua bellezza.

  • Grande vetro panoramico
  • Forma rotonda
  • Elementi di comando “invisibili”

Oltre alla versione SWING, la gamma di stufe a legna RIKA comprende molti altri modelli. Trovate la stufa a legna più adatta a voi. http://www.homycalor.it

Stufa a legna Rika mod. Swing

PERCHÈ SCEGLIERE UNA STUFA A PELLET

Scegliere una stufa a pellet significa usare un combustibile economico ed ecologico, ma soprattutto molto pratico.

MASSIMI RENDIMENTI

E’ economico, perché assicura altissimi rendimenti a fronte di un costo decisamente inferiore rispetto ai combustibili fossili (costa circa il 30% meno del metano e 2 volte meno del gasolio). Quasi tutte le stufe a pellet, inoltre, rientrano nelle agevolazioni fiscali e negli incentivi per il risparmio energetico e le energie rinnovabili e acquistarle diventa ancora più conveniente.

COMBUSTIONE PIÙ PULITA

Le stufe a pellet sono anche ottime dal punto di vista ecologico, perché sono progettate per garantire una combustione efficace e pulita, con oltre il 90% di rendimento e livelli di emissioni tra i più bassi sul mercato.

FACILI DA USARE

Scegliere il pellet significa anche praticità e comodità. Si compra anche al supermercato in comodi sacchi, non sporca e crea meno cenere rispetto alla legna. Infine, le stufe a pellet hanno il grande vantaggio di poter funzionare in automatico, regolando accensione e spegnimento secondo le proprie esigenze. Le stufe a pellet sono dei veri mini-impianti di riscaldamento, possono riscaldare più stanze, canalizzando l’aria calda o scaldando l’acqua dei termosifoni e dei bagni.

Stufa a pellet Piazzetta mod. P943 M

Nella foto: stufa a pellet Piazzetta mod. P 943 M

Mentre cucini riscaldi l’ambiente

Può una cucina economica garantire benessere per tutta la casa, senza bisogno di altre forme di riscaldamento? Sì, se è un modello di moderna concezione: mentre quella della nonna andava a legna, e non è che scaldassero un granchè, ora ci sono cucine che funzionano come caldaie, possono alimentare i termosifoni e produrre acqua calda sanitaria.

Si tratta di cucine idro, alimentate a legna, collegabili all’impianto idraulico come centrali esclusive o integrative.

In molte termocucine, il kit idraulico è totalmente integrato. Tutta la componentistica necessaria per il collegamento all’impianto di riscaldamento è alloggiata nel vano di servizio (pompa standard 6mt, valvola 3 vie, valvola di sfogo aria, vaso di espansione da 6 litri, valvola di scambio termico, valvola di sicurezza 3 bar, rubinetti di carico e scarico).
Tutte le operazioni di installazione e manutenzione sono più semplici e, allo stesso tempo, si libera spazio nell’ambiente abitativo.

neos_kitidraulico1c

Oggi ci sono anche cucine alimentate a pellet con funzionamento automatico e programmabile attraverso display digitale e rendimento superiore al 90%. Ma esistono anche forni a legna capaci di cuocere contemporaneamente cibi diversi e distribuire il calore nell’ambiente in modo uniforme grazie a un sistema a convezione radiante di tipo avvolgente, ma con possibilità di canalizzare l’aria calda fino a 8 metri.

Cucina J.Corradi mod. Neos-90p

Il serbatoio contiene fino a 17 kg di pellet, per una grande autonomia di funzionamento. Si apre comodamente da uno sportello posizionato sopra il focolare.
Un pratico pannello di controllo con funzione termostato permette di impostare la temperatura da mantenere in ambiente.

neos-pellet-serbatoio-1c

Infine abbiamo le Cucina combinata a legna, gas, elettrico, con focolare, forno a legna, forno elettrico statico, forno elettrico multifunzione, piastra di cottura in fusione di ghisa, piani cottura personalizzabili in acciaio inox.

Cucina J.Corradi mod. Country

Stile Etnico

L’arredamento etnico è certamente uno fra gli stili migliori e più adatti a chi voglia creare un ambiente al contempo accogliente  e fortemente caratteristico.
Con lo stile etnico si può arredare la propria casa cercando ispirazione fra tutte le diverse culture che rendono il mobili etnici così ricercati ed originali.

Le caratteristiche dell’arredo etnico

In particolare, per tipologia di colori e linee, con più affinità agli stili e ai gusti più attuali, pensiamo agli stili etnici più diffusi: africano, indiano e asiatico in genere.
Tutti questi, hanno come caratteristica comune quella di essere artigianale (o quasi) e tipico, con richiami alla cultura popolare delle zone di provenienza.  Non ultimo, essendo all’origine tutti degli stili popolari – e comunque comuni e diffusi nelle terre d’origine – posseggono caratteristiche ed elevati standard legati alla comodità e praticità che tutti, in ogni continente, ricerchiamo a casa.

I materiali dell stile etnico

Entriamo più nel dettaglio del mondo etnico. Considerando elementi come arredi e colori, si potranno adottare gli stili sia in maniera distinta, per area d’origine; ma anche nella globalità del gusto “etnico”, in maniera complementare, in una caratteristica mescolanza, di arredi e colori.
Non abbiate paura quindi di osare un po’, difatti, tutti gli stili artigianali e etnici, sono complementari e facilmente abbinabili, grazie ad un trait d’union costituito dai materiali naturali utilizzati, quali legno,vimini e teak nonché dai tessuti, tele e tappeti. Il tutto con i colori caldi ed energizzanti, tono su tono, sulle sfumature dell’arancio e del legno.

Alcuni singoli oggetti, appartenenti indifferentemente a una cultura o all’altra, possono essere egregiamente inseriti in qualsiasi stile d’arredo che già possediate a casa. Proprio come facevano un tempo i grandi viaggiatori, che esponevano in bella mostra i più disparati souvenir di viaggio provenienti da tutto il mondo. Provate ad immaginare un elemento d’artigianato tribale, abbinato sia ad unsoggiorno moderno, in una bella nicchia minimale, che in un salotto classico, sopra un prezioso tavolino in radica di noce. Faranno certamente il loro effetto.

I colori dell’arredamento etnico

Ma proviamo a vedere insieme dei possibili accostamenti. Ad esempio, considerando uno fra i più importanti e affascinanti: lo stile africano. Qui i colori dominanti saranno giallo e arancio, come il sole, e ruggine e crema neutri e leggeri come il deserto.

Stile etnico

I singoli pezzi d’arredamento potranno essere, in gran classico un tavolino basso, rigorosamente inlegno massello. Magari posato sopra un tappeto leopardato o zebrato (per spirito green, un buon maculato sintetico). Come accennato i colori saranno su toni caldi dall’arancio al marron, con stampe e richiami a immagini o oggetti tradizionali africane.

I divani saranno altrettanto caratteristici, nelle versioni coloniali, o asiatiche con struttura in legno opelle tessuti morbidi arancio e rosso carminio, o quelle più tribali, con strutture in bambù e sedute in toni neutri del beige e avorio.Stile etnico 2 Stile etnico 3