Archivi tag: conservare il pellet

Consigli per conservare e stoccare il pellet

Come ogni anno è arrivato il momento di fare scorta di pellet e per poter spuntare un prezzo migliore, fino a giugno è il periodo ideale per acquistarlo. Ma visto che mancano molti mesi al suo utilizzo è bene utilizzare alcuni accorgimenti su come conservare e stoccare il pellet correttamente, sia per il caldo estivo, sia durante il prossimo inverno.

IMG_2344

IL PEGGIOR NEMICO E’ L’UMIDITA’
La resa di un pellet, dipende dalla percentuale di umidità presente nel prodotto. Per questa motivazione quando facciamo scorte di biomasse facciamo attenzione a tutti fattori che sono strettamente correlati all’umidità. Se il pellet è conservato in modo scorretto e diventa umido, tutte le caratteristiche garantite dal produttore non hanno più alcun valore, in quanto si può garantire una certa qualità solo se il pellet è ben mantenuto e stoccato in modo corretto.

Il pellet è costituito da segatura di legno molto compressa tenuta insieme dalla “lignina” che fa da collante naturale durante la pressatura. L’umidità, tende a espandere i cilindretti di pellet vanificando il ruolo della lignina, e facendoli diventare di nuovo quasi segatura. Un’ eccessiva quantità di umidità può abbassare significativamente la quantità di calore prodotto durante la combustione del pellet, questo perché durante la combustione, una parte di calore è sprecata nel far evaporare l’acqua… più il pellet sarà umido e più energia sarà sprecata e quindi meno energia sarà disponibile per produrre calore.

IMG_2345

CONSERVARE IL PELLET ALL’INTERNO
Se stocchiamo il nostro combustibile in un garage, sottoscala, cantina o seminterrato, teniamo presente che i pellets sono sempre confezionati in sacchetti di plastica termosaldata. Tale confezione favorisce la difesa contro l’umidità e se abbiamo scelto un buon prodotto, il pellet avrà anche una confezione per cui da un lato consente che il nostro pellet “respiri” e dall’altro consente all’umidità di non penetrare all’interno e rovinare il nostro prodotto.

Alcuni semplici accorgimenti:

  • Evitate di poggiare i sacchi di pellet per terra usando dei pallet su cui metterli per tenerli sollevati.
  • Evitate di appoggiare i sacchi di pellet direttamente al muro ma teneteli separati con un pannello isolante.
  • Prima dell’uso, se ne avete la possibilità, mettete alcuni sacchi di pellet. in un ambente più asciutto e riscaldato.
  • Utilizzate sempre per primi i sacchi rimasti dalla stagione precedente, altrimenti rischiate che il prodotto si possa deteriorare troppo.
  • Ricordiamo inoltre che conservare e stoccare il pellet correttamente, evita lo spreco di materiale e mantiene la buona efficienza della stufa o caldaia ed evita spiacevoli malfunzionamenti, che possono anche richiedere l’intervento di un tecnico.

CONSERVARE IL PELLET ALL’ESTERNO
Al pellet conservato in bancali situati all’esterno, invece serve una buona protezione dagli agenti atmosferici (umidità-pioggia-neve-sole). I sacchi, infatti, sono sensibili anche ai raggi UV che fungono da agente deteriorante del polietilene con cui detti sacchi sono realizzati. Per questa ragione lo stoccaggio in aree esterne richiede l’adozione di un cappuccio di copertura (realizzato in polietilene con protezione anti-UV) al fine di evitare che i sacchetti, deteriorandosi nel tempo, possano subire rotture, lasciando penetrare umidità, pioggia e neve, provocando un innalzamento verticale dei valori di umidità del pellet, riducendone sensibilmente il potere calorifico ed aumentando le quantità di ceneri incombuste.

Questo metodo di protezione, rapido, pratico ed economico, può essere adottato, dai consumatori che non dispongono di spazi chiusi sufficienti per immagazzinare il pellet di cui necessitano per l’intera stagione. Tali cappucci finalizzati a coprire i “pallet” che ospitano i sacchi da kg 15 di pellet sono, resistenti e facilmente utilizzabili e quindi perfetti per conservare e stoccare il pellet all’esterno.

IMG_2346

FONTI: Il mondo del Pellet

Annunci