Tutti gli articoli di Ing. Fabio Fratini

Fabio Fratini titolare di MyCasa, AcqualagnaCamini e Civico 55.

Consigli per conservare e stoccare il pellet

Come ogni anno è arrivato il momento di fare scorta di pellet e per poter spuntare un prezzo migliore, fino a giugno è il periodo ideale per acquistarlo. Ma visto che mancano molti mesi al suo utilizzo è bene utilizzare alcuni accorgimenti su come conservare e stoccare il pellet correttamente, sia per il caldo estivo, sia durante il prossimo inverno.

IMG_2344

IL PEGGIOR NEMICO E’ L’UMIDITA’
La resa di un pellet, dipende dalla percentuale di umidità presente nel prodotto. Per questa motivazione quando facciamo scorte di biomasse facciamo attenzione a tutti fattori che sono strettamente correlati all’umidità. Se il pellet è conservato in modo scorretto e diventa umido, tutte le caratteristiche garantite dal produttore non hanno più alcun valore, in quanto si può garantire una certa qualità solo se il pellet è ben mantenuto e stoccato in modo corretto.

Il pellet è costituito da segatura di legno molto compressa tenuta insieme dalla “lignina” che fa da collante naturale durante la pressatura. L’umidità, tende a espandere i cilindretti di pellet vanificando il ruolo della lignina, e facendoli diventare di nuovo quasi segatura. Un’ eccessiva quantità di umidità può abbassare significativamente la quantità di calore prodotto durante la combustione del pellet, questo perché durante la combustione, una parte di calore è sprecata nel far evaporare l’acqua… più il pellet sarà umido e più energia sarà sprecata e quindi meno energia sarà disponibile per produrre calore.

IMG_2345

CONSERVARE IL PELLET ALL’INTERNO
Se stocchiamo il nostro combustibile in un garage, sottoscala, cantina o seminterrato, teniamo presente che i pellets sono sempre confezionati in sacchetti di plastica termosaldata. Tale confezione favorisce la difesa contro l’umidità e se abbiamo scelto un buon prodotto, il pellet avrà anche una confezione per cui da un lato consente che il nostro pellet “respiri” e dall’altro consente all’umidità di non penetrare all’interno e rovinare il nostro prodotto.

Alcuni semplici accorgimenti:

  • Evitate di poggiare i sacchi di pellet per terra usando dei pallet su cui metterli per tenerli sollevati.
  • Evitate di appoggiare i sacchi di pellet direttamente al muro ma teneteli separati con un pannello isolante.
  • Prima dell’uso, se ne avete la possibilità, mettete alcuni sacchi di pellet. in un ambente più asciutto e riscaldato.
  • Utilizzate sempre per primi i sacchi rimasti dalla stagione precedente, altrimenti rischiate che il prodotto si possa deteriorare troppo.
  • Ricordiamo inoltre che conservare e stoccare il pellet correttamente, evita lo spreco di materiale e mantiene la buona efficienza della stufa o caldaia ed evita spiacevoli malfunzionamenti, che possono anche richiedere l’intervento di un tecnico.

CONSERVARE IL PELLET ALL’ESTERNO
Al pellet conservato in bancali situati all’esterno, invece serve una buona protezione dagli agenti atmosferici (umidità-pioggia-neve-sole). I sacchi, infatti, sono sensibili anche ai raggi UV che fungono da agente deteriorante del polietilene con cui detti sacchi sono realizzati. Per questa ragione lo stoccaggio in aree esterne richiede l’adozione di un cappuccio di copertura (realizzato in polietilene con protezione anti-UV) al fine di evitare che i sacchetti, deteriorandosi nel tempo, possano subire rotture, lasciando penetrare umidità, pioggia e neve, provocando un innalzamento verticale dei valori di umidità del pellet, riducendone sensibilmente il potere calorifico ed aumentando le quantità di ceneri incombuste.

Questo metodo di protezione, rapido, pratico ed economico, può essere adottato, dai consumatori che non dispongono di spazi chiusi sufficienti per immagazzinare il pellet di cui necessitano per l’intera stagione. Tali cappucci finalizzati a coprire i “pallet” che ospitano i sacchi da kg 15 di pellet sono, resistenti e facilmente utilizzabili e quindi perfetti per conservare e stoccare il pellet all’esterno.

IMG_2346

FONTI: Il mondo del Pellet

Advertisements

Il camino trifacciale

Come riorganizzare la zona giorno intorno al camino.

Il camino trifacciale a legna chiuso con vetri su due lati lunghi e 1 lato corto con apertura dell’anta a saliscendi, è ideale per realizzazioni centro stanza o a “penisola”, per separare in maniera discreta ed originale due ambienti comunicanti e godere del calore della fiamma da ogni angolazione.

I focolari trifacciali di BEF Home si distinguono per la loro estrema linearità, anche grazie alla quasi assenza di cornici metalliche visibili. L’ampia superficie in vetro ceramico e la luminosità del materiale refrattario in Alutec Nero mettono in evidenza la bellezza della fiamma.

Sono disponibili 3 modelli di diverse lunghezze e potenze.

Focolare Bef Home mod. BEF Trend-V8 U

CARATTERISTICHE

  • Potenza: 6,0 – 8,0 – 13,0 Kw
  • Rendimento: 83,9 %
  • Temperatura uscita fumi: 257 °C
  • Lunghezza ceppi di legna: 40 – 50 – 65 cm

Stufa a pellet MorettiDesign A7 Globe

Approfitta dell’incentivo del Conto Termico per l’acquisto di una stufa a pellet MorettiDesign mod. A 7 Globe. Grazie al Conto Termico sarà tua a soli € 536 IVA compresa.

La stufa, dal design contemporaneo, ha un rivestimento tutto completamente in vetro personalizzabile con tutti i colori RAL


CARATTERISTICHE 

  • Potenza globale: 2,3 – 7,8 Kw
  • Potenza all’Ambiente: 2,1 – 7,0 Kw
  • Rendimento totale: 90%
  • Consumo minimo: 0,5 kg/h
  • Consumo max: 1,6 kg/h
  • Capacità serbatoio: 14 kg
  • Diametro uscita fumi: 80 mm
  • Garanzia: 2 Anni
  • Radiocomandato 
  • Dimensioni: L530 X H1075 mm

Stufa LUNO by Hase

Le stufe a legna di qualità sono Made in Germany. Prodotte in Germania e più precisamente da Hase.Il modello Luno può essere tua, grazie al Conto Termico, a soli € 1.133 IVA compresa.

La Luno è una delle stufe a legna più amate di Hase. Forse perché è disponibile in così tante varianti: in versione stufa in acciaio in diversi colori metallici, a scelta con piano scaldavivande in ceramica o steatite, oppure completamente rivestita in maiolica o pietra ollare. Ma forse anche perché il suo grande vetro semicircolare del focolare attira lo sguardo sulla parte più bella: il fuoco stesso.

Altezza 119,5 cm · Larghezza 54,5 cm · Profondità 44,5 cm · Potenza 3 – 7 kW · Peso 123 – 170 kg · certificata DIBt
Per informazioni visita http://www.acqualagnacamini.com

Stufe e camini: il design è fondamentale

Non c’è niente di meglio di una stufa o di un caminetto per esaltare lo stile di una stanza. La presenza del fuoco in sé rende qualsiasi ambiente più accogliente e luminoso. Bisogna ricordare, però, che la fiamma resterà spenta per diversi mesi all’anno. È importante, quindi, che il design della stufa o del camino sia coerente con il resto dell’arredo. Sfogliando le foto che seguono, scoprirete che l’impresa non è affatto così difficile.

STUFE E CAMINI DAL GUSTO MODERNO E CONTEMPORANEO

In un living dal gusto moderno si adattano perfettamente stufe e caminetti dalle linee rigorose, sobrie e minimali, con rivestimenti in acciaio o ceramica dai colori neutri, come il bianco, il nero, o perché no, la pietra.

stufa-a-legna-piazzetta-mod-e924-a

acqualagnacamini-lucerna

metalfire36

STUFE E CAMINI DAL GUSTO CLASSICO E TRADIZIONALE

Negli ambienti arredati in stile tradizionale una stufa o un camino è praticamente un must. La scelta può spaziare da modelli più essenziali e discreti, a soluzioni dal gusto rétro che si ispirano al passato nell’estetica, ma offrono tecnologie all’avanguardia quanto al funzionamento.

camino-classico1

stufa-a-legna-piazzetta-mod-e904-s-bianca