Pulizia e Manutenzione

Come pulire la propria stufa 

La pulizia e il controllo della stufa, sono operazioni strettamente consigliate, da effettuare almeno una volta all’anno.

1. USARE UN COMBUSTIBILE CORRETTO

Se si brucia un combustibile di qualità per tutta la stagione durante tutta la stagione, sarà poi più facile svolgere lavori di manutenzione e pulizia. Evitare quindi l’uso di legna umida o trattata, in quanto questi possono causare la formazione di condensa e catrame che possono causare l’annerimento del vetro della vostra stufa. (cliccate qui per leggere l’articolo inerente alla scelta della legna)

2. PULIZIA DELLA CANNA FUMARIA
Vi consigliamo di pulire la canna fumaria almeno una volta l’anno. La primavera è la stagione perfetta. Pulire la canna fumaria ogni anno, aiuterà i vostri tubi a conservarsi al meglio.

AcqualagnaCamini, per la pulizia, consiglia di rivolgersi ad un professionista; Uno spazzacamino, ha l’attrezzatura specifica e quindi adatta a pulire al meglio qualsiasi tipo di condotto, inoltre grazie alla sua esperienza potrebbe accorgersi di problemi dovuti all’usura, sull’impianto.

3. CONTROLLARE LA STUFA 

Controlla minuziosamente la tua stufa,in particolar modo le parti interne. Controllare tutti i sigilli e sostituire le guarnizioni tra la porta e il vetro (esse devono essere sempre ben morbide). Assicurarsi che la griglia cenere si muova liberamente e controllare che le barre della griglia non siano usurate. Controllare le cerniere degli sportelli e i vetri che non abbiano crepe.

4. PULIZIA INTERNA

Per garantire una corretta combustione, è di fondamentale importanza pulire al meglio l’interno della stufa, per le parti superiore utilizzare spazzole apposite per la pulizia dei focolai. Ricordarsi di pulire il deflettore e lasciare uno strato di cenere sul fondo della stufa, poiché questo aiuta ad isolare e proteggere dalla legna che brucia (per la pulizia interna consultare anche il manuale della stufa, in cui per ogni modello troverete indicazioni specifiche su come effettuare la pulizia).

5. PULIZIA DEL VETRO
Molti prodotti in commercio sono dotati di un sistema autopulente , che consente di tenere pulito il vetro dalla fuliggine che si deposita su di esso durante la combustione. Quando la fuliggine si deposita sul vetro, normalmente è sufficiente utilizzare la stufa o il camino ad alti regimi per un breve periodo di tempo. In questo modo, grazie al flusso d’aria, la fuliggine si staccherà dal vetro e si depositerà al centro della camera di combustione e si brucerà.

Nel caso in cui il vetro non dovesse pulirsi completamente, è opportuno ricorrere ad un altro metodo. Prima di tutto è necessario che il camino o la stufa siano spenti. Occorre procurarsi un pezzo di carta di giornale, inumidirlo e sporcarlo delicatamente con le ceneri fini che si depositano sul fondo della camera di combustione. Strofinare la carta contro il vetro .Ripetere l’operazione, fino a quando non sarete soddisfatti del risultato. Infine, asciugare il vetro con un pezzo di carta pulito per rimuovere completamente le particelle di fuliggine. Questo metodo è efficiente, economico e il migliore per il rispetto dell’ambiente.

6. PULIZIA ESTERNA
Per la pulizia esterna utilizzare un panno asciutto, per rimuovere residui di polvere o fuliggine.

Manut

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...